Personaggio televisivo russo criticato per aver intervistato uno stupratore

Un personaggio televisivo russo è stato criticato online per un'intervista che ha condotto. Lo stupratore, Viktor Mokhov, che è stato recentemente rilasciato dopo aver trascorso 17 anni in prigione, ha fatto dichiarazioni sulle sue ex vittime che la gente ha interpretato come una minaccia alla loro sicurezza. Mokhov era responsabile del rapimento e dello stupro di due ragazze adolescenti, ed è stato condannato a 17 anni di prigione per il suo crimine.

 

Le vittime erano tenute in una cantina e Mokhov le picchiava, violentava, affamava e avvelenava regolarmente. Ksenia Sobchak, il personaggio televisivo che ha condotto l'intervista, ha respinto le sue critiche, aggiungendo che il giornalismo è sfaccettato e non dovrebbe essere limitato a parlare di ciò che piace alla gente.

Una delle vittime è rimasta incinta durante la prigionia.

Durante la loro prigionia, una delle ragazze rimase incinta e diede alla luce tre bambini. Due di loro sono nati durante la sua prigionia, mentre l'ultimo è nato dopo essere stato salvato dalle autorità russe. Nell'intervista con Sobchak, Mokhov ha affermato che una delle sue vittime non ha mai partorito dopo essere stata liberata dalle sue grinfie.

 

Mokhov ha poi aggiunto che forse dovrebbe "prendersi cura di lei", suggerendo di metterla di nuovo incinta. Ha anche detto che "amava ancora" la ragazza e che avrebbe voluto incontrarla di nuovo. Questa e altre dichiarazioni che ha fatto hanno causato indignazione, con alcuni che sostenevano che rappresentava una minaccia per la sicurezza delle sue vittime.

Sarà condotta un'indagine sui commenti di Mokhov.

Secondo il capo del comitato investigativo russo, un'indagine sul commento di Mokhov sarà condotta dalle autorità. Nella sua dichiarazione, ha detto che il pubblico, specialmente gli attivisti e i giornalisti, svolgono un ruolo importante nell'informare le autorità della possibilità che un individuo commetta un crimine.

 

La sua dichiarazione è stata confermata dalla deputata della Duma di Stato Oksana Pushkina, che ha detto che il suo dipartimento stava già indagando sulla dichiarazione per vedere se Mokhov aveva intenzione di danneggiare le vittime. Sobchak è stato anche criticato per non aver sfidato le sue opinioni e per averlo lasciato parlare senza censura.